Tratta dai libri di Maurizio de Giovanni, il Commissario Ricciardi è una delle serie televisive più attese della stagione di Rai Fiction. 

Napoli, 1932, il commissario Luigi Alfredo Ricciardi è commissario di polizia. 

Cilentano di nascita e dalle strabilianti capacità investigative, possiede l’innata capacità di vedere l’ultimo istante delle vittime di morte violenta ascoltandone il loro ultimo pensiero. 

Questa incredibile capacità, mantenuta da Ricciardi come un segreto, paragonandola ad una maledizione, lo ha reso taciturno e chiuso ad ogni sentimento amoroso. 

Da qui la decisione di condurre una vita solitaria, accompagnata solo dalla figura della tata Rosa. 

Tra le molte vicissitudini, gli spettatori hanno la possibilità di assistere ad una vera e propria rivelazione delle storie attorno ai vari personaggi, creando così un collegamento crescente fino al raggiungimento dei vari colpi di scena.

Ad affiancare la creazione di questo imprinting entrano nuovamente in campo gli artisti del team Rocchetti&Rocchetti, che si rivelano così capaci di rendere vividi e unici i personaggi della serie. 

Dietro ad ogni singola scena di un paesaggio storico, come in questo caso è la Napoli degli anni Trenta, risiedono studi stilistici e un’incredibile dimestichezza nella riproduzione delle varie tecniche di acconciatura.

Difatti, la moda dell’epoca era resa molto particolare dalle affascinanti acconciature adornate da ferme onde che seguivano i volti delle giovani donne.

I capelli ondulati avevano dunque l’obiettivo di dare al viso un aspetto più giovane, armonioso e vivace. 

La tecnica con cui si andava a ricreare questo movimento era chiamata “Crinefil Rapid”, ovvero quella che oggigiorno potremmo definire come la permanente fatta in casa. 

Molto diffuso tra l’altro era anche il caschetto riccio e molto voluminoso, che si poteva vedere frequentemente sulle dive delle pellicole.

L’affascinate combinazione tra tecnica e arte affluiscono ad un risultato senza alcun dubbio fenomenale. E voi avete già visto qualche puntata dell’affascinante commissario?

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]